Pontassieve: dalla Cooperativa alla COOP


Un libro dedicato alla memoria di coloro che oltre un secolo fa in un contesto economico e politico.
Particolarmente difficile, ebbero la lungimiranza e l’audacia di dare vita nel territorio della Val di Sieve, a importanti forme di cooperazione.
Il libro è basato su documenti ritrovati presso gli archivi Comunali, l’Archivio di Stato, l’archivio storico Unicoop di Firenze, varie biblioteche e collezionisti privati.
Emergono le finalità, lo sviluppo e gli obiettivi del movimento cooperativo dalle origini ad oggi.

La storia - ricordava nella prefazione il Sindaco di Pontassieve ed Mauro Perini - è quasi sempre ricordata per quegli eventi che hanno dato inizio a processi destinati a cambiare il corso degli eventi stessi. Così è stato per la fondazione della Società di Mutuo Soccorso fra gli operai di Pontassieve, istituzione che ha aperto la strada alla formazione e alla crescita della cooperazione.

Dalla rilevante storia della cooperazione caratterizzata da cooperative "rosse" e "bianche" da cultura cattolica e marxista emerge quella del territorio della Val di Sieve, della sua gente.
E storia del movimento cooperativo come parte fondativi di un’identità locale.

Il libro si suddivide in 11 capitoli:

1) Pontassieve nell’800 e gli inizi del movimento coooperativo;
2) La prima cooperativa dei ferrovieri;
3) Il panorama della cooperazione fino al 1915;
4) Le cooperative durante la prima guerra mondiale;
5) La cooperativa "Fratellanza" fra i ferrovieri;
6) Dal primo dopoguerra al fascismo;
7) Tentativi di fascistizzazione;
8) La seconda guerra mondiale;
9) Il dopoguerra (1945-50);
10) Dalla ricostruzione al boom economico (1951-60);
11) Dalle fusioni al centro valdisieve.

Dal capitolo 1
Le origini della cooperazione si legano strettamente alle prime forme di organizzazione del Movimento operaio per ottenere migliori condizioni di vita.
Sull’esempio dei lavoratori inglesi che nel 1845 a Rochedale danno vita alla prima Società cooperativa e delle Società di Mutuo Soccorso.
Che a Torino aprono "i magazzini di previdenza" e dell’iniziativa dei lavoratori della Manifattura Tabacchi di Firenze, in Val di Sieve la cooperazione arriva con l’industrializzazione.

Dal capitolo 2

Nello stesso anno in cui sorgono le officine ferroviarie (1869) viene fondata la Società di mutuo soccorso fra gli operai di Pontassieve, un’istituzione che si caratterizza per scopi di previdenza. Fra queste forme di assicurazione per l’invalidità e la vecchiaia per i lavoratori.
E’ un passo avanti di portata storica nell’attuazione della solidarietà sociale.